Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, scorrendo o ricaricando questa pagina, ovvero cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la privacy policy


 
HOME CHI SONO ARTICOLI EVENTI VIDEO MATERIALI CONTATTI
Federica De Benedetto > Primo piano > articolo

La bacchettata di Federica De Benedetto: “Lecce città d'arte con le porte chiuse”


Foto articolo
Lecce, 04-04-2018
Fonte: Corriere Salentino

Federica De Benedetto, consigliera di Forza Italia, esprime amarezza per la gestione della città: “La soddisfazione di vedere la mia città continua meta di turisti, conquistati dell’arte che Lecce finalmente esprime, grazie a vent’anni di amministrazione di centro destra, scema davanti alla mancanza di visione e programmazione di questi amministratori.
Politici che faticano a comprendere il valore di quanto hanno ereditato e l’importanza di gestire ciò con la capacità che richiede una nuova evoluzione. Amministratori che per paura di fare male fanno peggio. Come scegliere Assessori territorialmente lontani che, malgrado siano eccellenti persone, non possono dare il territorio tutte le energie di cui necessita Lecce.
Questa amministrazione, che disquisisce sui tempi di inaugurazione delle Mura Urbiche e del Convento degli Agostiniani, ha dimenticato di dire che l’apertura della Porta Falsa del Castello è stata realizzata con la stessa fretta (post elettorale però).

Tutte queste strutture, non fruibili ora come allora, sono state aperte per un breve periodo, al fine di soddisfare la curiosità e l’impazienza dei cittadini.
Ora che il turismo ha riaperto la stagione con un’affluenza cospicua e soddisfacente, non poteva essere offerto lo stesso servizio, seguendo la stessa procedura?
Lo sforzo del sindaco nel trovare le risorse per tenere aperte le chiese di Lecce, poteva abbracciare anche le strutture recuperate della città?
”.


Per approfondire: cliccare qui

Non ci sono commenti - Commenta l'articolo