Condividi le mie news! Insieme siamo più forti!



Il chiostro dei Teatini.
LECCE – La destinazione del chiostro dell’ex convento dei Teatini a sede per una rassegna di cinema all’aperto, voluta dall’amministrazione comunale di Lecce, continua ad alimentare buona parte delle polemiche che si sono succedute da quando è stata firmata la relativa delibera di giunta.

Anche oggi infatti, nel corso della seduta della undicesima commissione consiliare (Controllo conformità degli atti allo Statuto e ai regolamenti), minoranze e maggioranza hanno duellato sull'affidamento alla cooperativa Don Bosco di Lecce. Si tratta del sodalizio da molti anni impegnato stabilmente nella gestione del cinema dei Salesiani, diventato sala d’essai nel circuito di Apulia Film Commission, e nelle precedenti stagioni estive anche presso la mediateca della Officine Cantelmo. L’attività è a costo zero per l’amministrazione comunale; la cooperativa Don Bosco ha stimato in circa 55mila euro il costo dell'operazione e ha stabilito in cinque euro il prezzo del biglietto.

Per il consigliere del M5S, Fabio Valente, si è trattato di un affidamento “irrituale” grazie una tempistica accelerata, per la presidente di commissione, Federica De Benedetto (Forza Italia) sarebbe stato opportuno un avviso pubblico, per Bernardo Monticelli di Lecce città del mondo, se da una parte non ci sono profili di irregolarità, alla luce del vigente regolamento (quello del 2005), dall’altra l’attuale amministrazione comunale non può certo rivendicare una trasparenza maggiore di quella che l’ha preceduta e che aveva voluto destinare il chiostro a sede del mercatino dell’antiquariato. Il consigliere Andrea Guido (Direzione Italia) mostrando dal suo telefono un “santino” da campagna elettorale, ha chiesto conferma del fatto che la vicepresidente della cooperativa è stata candidata (non eletta) in una delle liste a sostegno di Alessandro Delli Noci.

Ed è stato proprio in risposta all’ex assessore all’Ambiente della giunta Perrone che è intervenuto il consigliere di Lecce Città Pubblica, Pierpaolo Patti, parlando di insinuazioni che si dovrebbe avere il coraggio di tradurre in denunce esplicite: la cooperativa in questione,ha ricordato l’esponente della lista promossa dal sindaco Salvemini, è specializzata nel settore e proprio per questo lavora già da anni di concerto con il Comune, aggiungendo che la partecipazione alla vita democratica della città non può essere motivo di sospetti e di chiacchiericcio.

Gabriele Molendini, capogruppo di Lecce Città Pubblica, ha argomentato la regolarità procedurale dell’affidamento proprio ai sensi del regolamento ancora vigente e ha difeso la scelta della giunta Salvemini di interrompere l’esperienza del mercatino dell’antiquariato, che può essere destinato ad altra sede, per fare dei Teatini un contenitore per attività culturali di altro tipo: cinema, teatro, laboratori di lettura nel chiostro e spazi espositivi al primo piano, a partire dalla fotografia.

Angelamaria Spagnolo, di Una Buona Storia per Lecce, ha sottolineato come il cinema all’aperto sia una delle attrazioni culturali più diffuse nelle città d’arte e comunque occasione di intrattenimento per i cittadini. I consiglieri Giorgio Pala e Angelo Tondo hanno chiesto di concordare con l’assessore alla Cultura, Antonella Agnoli, e con il dirigente Raffaele Parlangeli, la disponibilità a partecipare alla prossima seduta di commissione. Invitati a quella odierna, che era stata convocata ieri, non si sono presentati perché alle prese con la consueta riunione settimanale che il sindaco tiene con assessori e dirigenti.

Sarà “Vento di soave”, l'ultimo film-documentario del regista leccese Corrado Punzi, vincitore del Premio della Giuria al Festival di Toronto, la prima pellicola nel cinema all’aperto. Il primo di tanti appuntamenti che accompagneranno i leccesi e i turisti per tutta l’estate, dal 22 giugno fino al 16 settembre.

fonte: http://www.lecceprima.it/politica/teatini-cinema-aperto-ancora-polemiche-affidamento-don-bosco.html

Condividi le mie news! Insieme siamo più forti!
Template by JoomlaShine